biblioteca


Uno dei primi obiettivi perseguiti dall’Accademia fu quello di procedere alla creazione della "Biblioteca Aliprandi", frutto di donazioni di studiosi (eredi Aliprandi, Flaviano Rodriguez, Aldo Marras, Cornelio Bisello, Filiberto Vignini, Pier Giuseppe Ricolfi, Enea Benenti, Giuseppe Prete, Luisa Pagnani, Ileana Costa, Antonio Decimo Tirone, ecc. ), e oggi consta di 5.000 libri, oltre a varie collezioni di riviste.


Scheda illustrativa della Biblioteca

Nome ufficiale: Biblioteca dell’Accademia "Giuseppe Aliprandi - Flaviano Rodriguez".
Indirizzo sede: Piazza Duomo, 6 - piano 1°
Recapito: c/o Istituto IDI Informatica S.r.l. - Via Ricasoli, 22 - 50122 Firenze - Tel. 055/239.86.41 - Fax 055/28.97.19

Ente di appartenenza: Accademia "Giuseppe Aliprandi - Flaviano Rodriguez" (Ente Morale).
Responsabile: Presidente prof. Carlo Rodriguez.

Orario di apertura: su appuntamento.
Modalità di accesso: accesso libero a docenti, studiosi e cultori delle materie, con lettera di presentazione di un socio dell’Accademia, o esibendo un documento di riconoscimento.
Modalità di prestito: prestito riservato ai membri dell’Accademia e agli insegnanti delle scuole pubbliche.
Cataloghi in uso in biblioteca: alfabetico autore/titolo. È in fase di attuazione una nuova schedatura del patrimonio bibliografico informatizzata con il software WINISIS, adottato come database standard per l’inserimento nel Catalogo Unico Toscano. L’iniziativa viene realizzata col contributo della Giunta Regionale Toscana.
Collocazione dei documenti: possiede una sala di lettura con otto posti. Il patrimonio bibliografico è collocato in vetrine e armadi metallici. (In un locale attiguo alla Biblioteca è ospitato - apprezzabile anche se non di grandi dimensioni - un museo di macchine per scrivere e da calcolo antiche).

Servizi speciali: è stata attivata una sezione periodici.
Consultazioni: media annuale 60/70.
Fotocopie: si effettuano fotocopie, dietro richiesta, a prezzi correnti.

Frequenze: particolarmente ripetute in coincidenza di concorsi.


Profilo storico della Biblioteca

Anno di Fondazione: 1983

Fondatori: comitato composto dai professori Flaviano Rodriguez (Firenze), Oreste Cappellari (Ferrara), Ileana Costa (Modena), Mario Spigoli (Roma), Gian Paolo Trivulzio (Milano), Piero Vercesi (Roma).

Popolazione servita: chiunque abbia interesse allo studio e all’applicazione della stenografia, dattilografia, stenotipia, scrittura computerizzata e resocontazione.

Patrimonio documentario: possiede 6.000 volumi e una collezione di periodici italiani e stranieri. La Biblioteca del prof. Giuseppe Prete di Asti, uno dei maggiori studiosi della storia e della tecnica della stenografia mondiale, donata dagli eredi, rappresenta uno dei corpus più consistenti della Biblioteca Aliprandi - Rodriguez (circa 1.000 titoli non esistenti precedentemente nella Biblioteca).

Specializzazione: stenografia, dattilografia, discipline del lavoro d’ufficio, informatica applicata, personal computer. È specializzata in testi storici riguardanti la stenografia e la dattilografia, la stenotipia e la resocontazione.

CATALOGO DELLA BIBLIOTECA

Il 4 febbraio 2002 è è stato pubblicato il catalogo della Biblioteca Aliprandi.

Tale catalogo è una versione semplificata di quello ufficiale, gestito con il software CDS/ISIS, un applicativo sviluppato dall'UNESCO, adottato come database standard per l'inserimento nel Catalogo Unico Toscano dal Servizio beni librari - Dipartimento Istruzione e Cultura della Regione Toscana.

Il catalogo online attualmente comprende 3219 titoli e per ciascuno di essi riporta i seguenti campi:

  • Titolo
  • Autore
  • Eventuale co-autore
  • Luogo di pubblicazione
  • Editore
  • Anno di pubblicazione
  • Soggetto

Il catalogo può essere scaricato nei seguenti formati:

catalogo libri doppi

N.B.: Per copie catalogate si intendono copie la cui registrazione è stata già immessa ed è presente nel catalogo informatico. Per copie eccedenti si intendono le copie non catalogate nel database né collocate negli scaffali tramite collocazione mobile in attesa di essere catalogate.
Sono disponibili per gli scambi soltanto le copie eccedenti in quantità superiore a 2.